Category Archives: News

Prossima fermata: schiavitù

“Quel dannto sole sorge ogni maledetto giorno: mai una volta in cui resti a dormire e faccia finta di essersi scordato di farci visita. Polcrez continua a guardare quelle tizie come se volesse sbranarle; cazzo, sono quasi sicuro che stanotte potrebbe farlo se non lo tengo occupato. Il boss non vuole che la merce venga danneggiata, specialmente dopo tutta la fatica che abbiamo fatto per recuperarla: abbiamo perso tempo, uomini, carbotone e munizioni, senza contare che la nostra paga potrebbe intaccare di molto il ricavo di questi cazzoni incatenati. Se conosco abbastanza bene questi scarti avariati dei miei “colleghi”, sicuramente tenteranno di ammazzarsi tra loro man mano che la strada di casa si avvicina.

Schiavi delle Maree

Soli 17 giorni ci separano da una data ben nota, un evento che molti di voi hanno atteso e che ha visto noi prepararsi già da diversi mesi. Anche stavolta portiamo il nostro modesto contributo a questa rinomata fiera che a sua volta ci accoglie come ha sempre fatto, ma senza mai privarci di un massiccio carico di ansia! Ogni nuova pubblicazione è un misto di gioia e timore, il riflesso dell’impegno e del duro lavoro di chi sta dietro alla sua realizzazione. E ora, mentre il tempo scorre rapidamente, è il momento di parlare del frutto di questo lavoro. A voi, Schiavi delle Maree.

Fuori i Cannoni!

Salve a tutti, sopravvissuti!

Agosto è ormai giunto al termine e molti di voi già sentono la mancanza di spiagge irradiate e venditori di cocco tossico. Pure noi ci siamo goduti qualche giorno di riposo, ma giusto il necessario per ricordarci che dovevamo tornare a lavoro con ancor più frenesia di prima, vista soprattutto la vicinanza di Lucca Comics (che tanto staremo ugualmente stretti nonostante i biglietti limitati e le magiche due ore in più del sabato).

Ad ogni modo, come sempre bollono parecchie cose in pentola: la nuova espansione è quasi conclusa, con un pieno di aggiunte che va oltre la mole di quelle presenti nei Giorni delle Fiamme, quindi non vi farà mancare assolutamente niente… rimpiangerete di aver scelto i pirati come tema!

Dead Chuck Contest!

Ciò che resta dei mari del Nuovo Mondo aspetta a braccia aperte chiunque sia abbastanza folle da sfidarne i capricci. Se non temete tempeste improvvise, mostri marini, orde di mutanti squamati, flotte di pirati sanguinari e mercanti bastardi allora non vi resta che issare il vostro vessillo e spiegare le vele, accendere i motori e frustare gli schiavi.

I mari post-atomici del Nuovo Mondo sono ricolmi di barcollanti scafi galleggianti animati da gruppi di mercanti, avventurieri e assassini, alcuni noti per la loro infamia e altri per i loro viaggi oltre i confini delle mappe conosciute. Una cosa è però certa: chiunque abbia il coraggio di imbarcarsi in un viaggio attraverso questi oceani è degno di essere ricordato… se non per il suo coraggio, almeno per la sua follia. Alcuni dicono che negli abissi sia stata relegata la rabbia del mondo e chi vive per mare né è una testimonianza vivente (o a un passo dalla morte). Volete quindi dimostrare il vostro valore e la vostra sete d’avventura? Volete sopravvivere a questo manto oleoso che ha già regalato agli inferi tante anime? La furia dei mari del Nuovo Mondo aspetta voi e la vostra ciurma e i timori di vigliacchi piagnucolanti non sono ammessi… Pronti a salpare, sopravvissuti.

What a lovely day…

Ebbene sopravvissuti, che voi abbiate passato gli ultimi mesi dentro una fossa fetida o disseminando in giro il verbo del sacro piombo, non potete esservi di certo persi l’arrivo di uno dei film più attesi (e non solo da noi, sia chiaro) di quest’anno: stiamo parlando ovviamente di Mad Max: Fury Road, quarto ed inaspettato capitolo della saga del guerriero della strada.
Questa trilogia cominciata nel 1979 con Mad Max: Interceptor vide apparire per la prima volta un gggiovane Mel Gibson nei panni di Max Rockatansky, un uomo costretto a combattere contro bande di sanguinari predoni della strada nel tentativo di salvare la sua vita e vendicare quella della sua famiglia. Il film, girato con un badget pari ai soldi che ho sotto il materasso (e sono pochi, ve l’assicuro), ha invece incassato una fortuna tale da permettere al regista George Miller, di girare altre due pellicole: Mad Max: The Road Warrior (1981) e Mad Max: Beyond Thunderdome (1985).

Nameless Land: Alfieri di Ferro

“Quand’è il mondo a volerti morto e chi ti sta intorno fissa il calare dei tuoi giorni, puoi solo sperare di vivere abbastanza a lungo per veder perire tutti loro.”

Nelle lande del Continente Sud, dove i segreti si nascondono agli occhi dei cercatori e le storie indecifrabili vengono portate alla luce con frequenza sempre minore, solo un uomo è stato in grado di andare più a fondo, di scavare una buca abbastanza profonda da seppellirlo ma dalla quale è riuscito a riemergere… Quest’uomo è una leggenda, Danctes Virbearis.
Ciò che Alfieri di Ferro racchiude è la sua storia, o per meglio dire un frammento di essa, una scheggia che non potrà far altro che ficcarsi nel cervello di chi è in grado di affrontare la verità.

css.php